Conferenze Introduttive
GRATUITE per conoscerci.
Prenotati Ora!

Che cos’è la Balbuzie

Tante balbuzie, un unico metodo

il metodo Psicodizione è efficace per ogni tipo di balbuzie

Metodo

Obiettivi e struttura del corso

Il corso di PsicoDizione è strutturato in una settimana intensiva di lavoro.

Il lavoro si sviluppa quotidianamente per 7 giorni continuativi (per un totale di 36 ore) e tratta 2 aspetti fondamentali:

  1. non percepire "il blocco" quando si parla;
  2. canalizzare l’emozione in modo funzionale;

Vediamoli più nel dettaglio:

  • 1. il primo aspetto è riuscire a creare i singoli suoni che compongono ogni parola ed ogni frase in modo consapevole, gustandoli uno ad uno.

    Ciò produce 2 effetti molto interessanti:

    • il primo è quello di migliorare la propria estetica della parola. I tempi interni della frase vengono davvero creati istante per istante. Nulla è detto troppo in fretta o troppo lentamente o per caso o per mascherare un blocco percepito, ma ogni passaggio è voluto e gustato.
    • Il secondo effetto è quello di “occupare le proprie attenzioni” totalmente nel raggiungimento di questa buona estetica e dell’incontro con l’interlocutore e, dunque, non arriverà la percezione interna dell’inceppo od il pensiero di cosa le altre persone potrebbero pensare di noi, ecc..

    Tutto questo crea la sensazione di un pensiero mantenuto lineare, crea la certezza della coordinazione fra pensiero e parola spesso assente nelle persone che, in presenza di emozione, tendono ad avere anche un linguaggio tentennante.

  • 2. Il secondo aspetto che viene lavorato durante il corso è l’imparare a vivere lo stato emotivo causativamente e attivamente.

    Solitamente, in presenza di emotività, di un pubblico, di fretta, di un imprevisto, si sperimenta una sorta di contrazione anche a livello fisico: quasi una concentrazione di energia in qualche zona del corpo (il diaframma, lo stomaco, mascelle, occhi, oppure, all’opposto, una totale stasi, un’assenza).

    Quella sensazione fisica di blocco crea un’esplosione verso sé stessi e la conseguenza è che il linguaggio stenta.

Cosa accadrebbe se si riuscisse ad utilizzare quell’energia per essere più forti nella comunicazione?

L’obiettivo è proprio quello di far vivere attivamente lo stato di stress canalizzando e quindi trasformando qualcosa che solitamente viene temuto, perché rende più deboli di quanto si vorrebbe, in qualcosa che renda forti ma soprattutto lucidi e presenti e “con l’altro” quando si parla.

Cosa si impara durante il corso

Tutti questi aspetti vengono non solo imparati durante le ore di lezione, ma percepiti ed usati.

Sono strumenti pratici a tutti gli effetti.

Solo così ogni partecipante ha la possibilità di sperimentarli già negli ultimi giorni di corso, in situazioni di vita reale.
In questo modo la competenza nel gestirsi situazioni diverse aumenta e, quindi, si diventa comunicatori migliori. Al contempo, accumulando risultati positivi, si toglierà sempre più forza all'ansia e, questa, diminuirà nel tempo.

Perché il corso dura una settimana

Il nostro scopo quando insegniamo è quello di rendere indipendenti i partecipanti nella gestione delle situazioni il prima possibile.

Durante le ore di lavoro insieme vengono loro spiegati gli elementi che costituiscono la comunicazione e come questi vadano allenati.

Spetterà ad ognuno, poi, “sperimentarseli addosso” in modo individuale così da renderli totalmente di loro gestione.

Si deve avere il tempo di allenarsi “a casa” studiando come quel nuovo tassello della comunicazione venga percepito da lui, come vibri come sia facile od anche difficile inizialmente crearlo ed applicarlo.
E’ solo così che ogni ragazzo, bambino od adulto creerà delle vere trasformazioni dentro di sé, non certo lavorando “a pappagallo” ore di fila sullo stesso esercizio. Non si diventerebbe consapevoli di ciò che si produce.

Nella settimana di corso poi, saranno accompagnati passo per passo a confrontarsi con le loro specifiche situazioni di paura, diverse per ogni partecipante. Grazie ad un lavoro specifico ed individualizzato su ognuno, si otterranno risultati concreti e riproducibili sempre. In questo modo saranno in grado di parlare bene, in ogni situazione, superando i vecchi blocchi di balbuzie .

Il metodo usato

Come può PsicoDizione ottenere così grandi successi se non lavora sulla rieducazione respiratoria, sul rilassamento della persona, sul seguire un ritmo, sull’emissione del primo suono, etc...?

Come può PsicoDizione ottenere così tanti successi con tipologie molto diverse di balbuzie ( quella con le ripetizioni, quella con i tic, quella dove la persona “non appare”nemmeno balbuziente, ma lo sa lui che usa i sinonimi o i giri di parole, ecc..) e con gravità molto diverse?

A tutte queste domande si risponde facilmente comprendendo come si arriva alla produzione dell'inceppo nel linguaggio.

Quali sono le fasi che portano al manifestarsi del blocco o della disfluenza?
Le fasi sono 4.

1° fase: la persona sa cosa vuole dire

2° fase: la persona percepisce internamente l'arrivo di un suono "inceppato";

3° fase: la persona si spaventa di questa percezione;

4° fase: la persona ricerca velocemente di trovare una soluzione al blocco che ha già sentito dentro sé.

In questa ultima fase tutte le energie sono finalizzate a mascherare l'inceppo, a fare di tutto perché l'interlocutore non si accorga che ci si sta per inceppare.
E' proprio in questa stessa fase che ogni persona manifesta la propria tipologia di inceppo: chi forza il suono con smorfie di viso od occhi, chi cerca sinonimi o giri di parole per evitare "quel" suono, chi inserisce intercalari per prendere tempo, chi mette sotto sforzo la respirazione, ecc..

Dunque, tutto parte dentro noi in fase 2 e PsicoDizione agisce proprio a questo livello: permette alla persona di non percepire il disagio, di mantenere il pensiero fluido così non si creerà nè la fase 3 né tantomeno la 4.

Noi non agiamo sulla fase 4 come tutte le altre metodiche.
Non desideriamo coprire i blocchi con artifici o fare costantemente braccio di ferro col blocco. Noi desideriamo, ed è ciò che otteniamo, rendere più forte le persona con le sue proprie abilità e, dunque, dobbiamo evitare che percepisca il blocco in mente, così da mantenere i pensiero fluido e così da poter dedicare la totalità delle sue energie nel sentirsi comodo insieme con l’altro nella comunicazione che sta creando istante per istante.

Se cercassimo di agire sulla fase 4, cioè sulla rieducazione respiratoria, sul cercare di rilassare la persona, o altro, otterremmo miglioramenti ad ansia medio -bassa. Probabilmente questo livello di ansia era già gestibile con i "vecchi" stratagemmi. La confusione e la nebbiolina mentale riemergono, proprio in situazione di emotività alta, è lì che si dve agire, lì che bisogna rendere forti i ragazzi.

Contattaci Calendario

  •  

    Risolvere la Balbuzie

    Scopri quali sono le quattro fasi che portano al blocco della balbuzie e come sia possibile superarlo.

    Approfondisci
  •  

    Eventi che danno valore

    Il corso di Psicodizione per il trattamento della balbuzie, è dedicato ai bambini dai sei anni di età, ai ragazzi ed agli adulti

    Approfondisci
  •  

    Testimonianze di ex-balbuzienti

    Leggi le testimonianze delle persone che hanno sperimentato i nostri servizi.

    Approfondisci
  •  

    Calendario corsi e conferenze

    Le nostre conferenze GRATUITE, sono un ottimo mezzo per avere informazioni utili sulla balbuzie e per conoscerci direttamente.

    Approfondisci